Università Cattolica del Sacro Cuore

I giovani sotto il fascismo. Il progetto educativo di un dittatore

 15 ottobre 2020

Sulla generazione dei nati nel Ventennio il regime fascista riversò consistentissime energie: una mostra, un catalogo e un ciclo di conferenze illustrano con accuratezza questo progetto politico


La mostra a Palazzo Martinengo (2 ottobre-22 novembre 2020)

Spinto dall’interesse suscitato dalla mostra Brescia sotto le bombe, 1940-1945 tenutasi nel 2018  (dal 13 ottobre all’11 novembre) il Centro studi e documentazione sul periodo storico della Repubblica sociale Italiana  di Salò (Brescia) ha proseguito in questo filone di rievocazione del passato con altre pagine cruciali della storia bresciana del Novecento.
A ritroso rispetto alla seconda Guerra mondiale il Centro Studi Rsi ha scelto un argomento che aiuta ad approfondire le modalità con cui il regime fascista è riuscito a irreggimentare un’intera generazione di bambini e giovani italiani mediante una sistematica azione di indottrinamento, azione sostenuta da assai strutturate pratiche educative, ricreative e sportive e dal connesso ricco universo di riti, simboli e slogan.
Per coinvolgere la popolazione il progetto è partito dalla già sperimentata strategia dei Collectiondays in collaborazione con il
« Giornale di Brescia». Il «Giornale di Brescia» ha accolto infatti i cittadini bresciani (quattro gli incontri: 5 febbraio, 4 marzo,  12 maggio e 26 giugno dopo la presentazione del progetto il 22 gennaio) per la raccolta di testimonianze orali e documenti sui bambini e sui giovani vissuti sotto il regime fascista: pagelle, divise, vestiti di tutti i giorni, spille delle organizzazioni giovanili, quaderni, libri, oggetti, medaglie, giochi, colonie elioterapiche, etc.

Brescia 1933: Scuola elementare C. Battisti Brescia 1938: Stadium di Viale Piave Brescia 1938: Stadium di Viale Piave Brescia 1941: Colle Cidneo
Crediti fotografici:
Fausta Piccinelli
Crediti fotografici:
Fausta Piccinelli
Crediti fotografici:
Fausta Piccinelli
Crediti fotografici:
Maria Guerrini


Ad inizio ottobre è stata inaugurata la mostra che reca il medesmo titolo della nostra News «I giovani sotto il fascismo. Il progetto educativo di un dittatore» che resterà aperta sino al 22 novembre 2020.

Mostra di Palazzo Martinengo - Gallery 1 Mostra di Palazzo Martinengo - Gallery 2 Mostra di Palazzo Martinengo - Gallery 3
Crediti fotografici Crediti fotografici Crediti fotografici

Il Catalogo edito dalla Compagnia della Stampa Massetti Rodella
Contemporaneamente edito il catalogo, curato, come l’esposizione, da Roberto Chiarini ed Elena Pala:
I giovani sotto il fascismo. Il progetto educativo di un dittatore / a cura di Roberto Chiarini e Elena Pala. – Roccafranca (Brescia) : La Compagnia della Stampa Massetti Rodella, 2020. – 280 p. : ill., fot. ; 28 cm
Saggi contenuti: Premessa / di Roberto Chiarini e Elena Pala, p. 3 ; Il laboratorio dell’«italiano nuovo» / di Emilio Gentile, p. 11-15 ; Marciare inquadrati da veri soldati : l’organizzazione paramilitare della gioventù / di Emanuele Cerutti, p. 30-35 ; La gioventù della Leonessa / di Roberto Chiarini, p. 67-73 ; Il fascismo e la scuola : il progetto pedagogico di un “totalitarismo educatore” / di Daria Gabusi, p. 89-95 ; Sui banchi in camicia nera : i quaderni del duce / di Roberta Capelli, p. 127-131 ; Vestire i giovani nell’Italia fascista / di Emanuela Scarpellini, p. 143-149 ; In vacanza con il duce : l’azione propagandistica delle colonie estive / di Elena Pala, p. 171-175 ; Fascismo a strisce : il fumetto nel Ventennio / di Marco Cuzzi, p. 201-209 ; La vetrina del regime : i Littoriali dello sport, della cultura, dell’arte e del lavoro / di Luigi Mscheroni, p. 223-229 ; La donna fascista entra nelle palestre / di Elena Pala, p. 243-245 ; La Chiesa bresciana e i Balilla / di Mario Trebeschi, p. 255-261 ; Alle origini di una scelta : 1943-1945 / di Elena Pala, p. 265-271 ; I giovani e il neofascismo : i conti con la storia / di Giuseppe Parlato, p. 273-279. Tutti i saggi sono completati da essenziali note bibliografiche. Dopo i saggi il ricco apparato iconografico di riferimento
La presentazione del libro in streaming a «Librixia. La Fiera del libro a Brescia 2020» del 4 ottobre 2020 è fruibile sul sito web della Fiera dal pannello Diretta streaming a partire dall’ora 1:33:22 (presenti sul palco dell’Auditorium di San Barnaba: Eugenio Massetti, Massimo Lanzini, Roberto Chiarini ed Elena Pala).

 

Catalogo della mostra Ciclo di Conferenze

Il Ciclo di Conferenze (5 ottobre-9 novembre 2020)

Il 5 ottobre prende avvio il ciclo di conferenze collegato alla mostra riunito nel titolo d’insieme «I lunedì del Sancarlino in Sala Libretti. Il destino dei giovani nel Ventennio ». Le conferenze si possono seguire alle 18.00 in diretta streaming sul sito web del Il Giornale di Brescia (e vengono replicati il sabato susseccsivo alle 20.30 sull’emittente televisiva Teletutto). Quattro gli incontri programmati:

5 ottobre Sabino Cassese «Fascismo e totalitarismo»
12 ottobre Giordano Bruno Guerri «La “covata di Bottai”»
19 ottobre Giuseppe Parlato «Dopo il regime, le scelte dei giovani (ex fascisti)»
9 novembre Giulio Sapelli «I giovani operai durante il fascismo)»

 


La Rassegna stampa (data decrescente: 13 ottobre-23 gennaio 2020)

Proponiamo infine la Rassegna stampa relativa ai tre iniziative prima introdotte:

12 ottobre 2020 - Il Giornale di Brescia, p. 21 - Nicola Rocchi
«Per migliolarlo, Bottai voleva una ventata di novità nel fascismo»
Giordano Bruno Guerri sulla «covata» del ministro dell’Educazione nazionale
«I lunedì del Sancarlino in Sala Libretti». La seconda conferenza del ciclo
9 ottobre 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 51 – Paolo Minucci Teoni
Quell’articolo su «Giovinezza»: ricordi d’un tempo
Nella rubrica Lettere al Direttore
5 ottobre 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 24 – Elena Pala
«Il fascismo in quanto tale no, ma un regime autoritario potrebbe tornare»
Parla Sabino Cassese, primo ospite del ciclo: «Vi fu tale personalizzazione che si potrebbe dire mussolinismo»
«I lunedì del Sancarlino in Sala Libretti». Da oggi conferenze in streaming dal GdB
In pagina un box con il titolo: Guerri, Parlato e Sapelli i successivi ospiti
Gli appuntamenti sono collegati alla mostra a Palazzo Martinengo.  Differite su Teletutto
5 ottobre 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 22 – E. F.
«Quel disegno di indottrinamento di giovani menti»
Storia. Dialogo sul fascismo con Roberto Chiarini, Elena Pala, Eugenio Massetti e Lanzini
2 ottobre 2020 – Il Giornale, p. 22-23 – Luigi Mascheroni
Crescere, divertirsi e combattere. Come un dittatore «plasmò» l'Italia in un popolo di Balilla e soldati
A Palazzo Martinengo a Brescia una mostra con foto inedite e oggetti rari sugli anni in cui il Duce forgiò una nuova nazione
30 settembre 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 17 – Wilda Nervi
Così vivevano i giovani sotto il fascismo: foto e documenti in mostra
A Palazzo Martinengo l'esito del lavoro di raccolta promosso dal Centro studi Rsi di Salò, Provincia e GdB
30 settembre 2020 – Il Corriere della Sera, p. 39 – Redazionale
I ragazzi indottrinati dal regime. Mostra sul fascismo a Brescia
Dal 2 ottobre
29 settembre 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 19 – Elena Pala
Quando Brescia fu «occupata» dalla marcia della giovinezza
A guerra iniziata 80 anni fa una colonna di 24mila giovani fascisti sfilò nel Nord sfidando i vertici militari
Storia&Storie
17 settembre 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 33 – Roberto Chiarini
Balilla, dai nuovi italiani del Duce al tragico epilogo di un'illusione
In città e nella provincia il progetto totalitario del fascismo incontrò ostacoli nel tessuto civile bresciano
Storia&Storie. «I giovani sotto il fascismo». Verso la mostra a Palazzo Martinengo
9 luglio 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 33 – Elena Pala
Nuove italiane "Guerriere e madri". E lo sport si tinse anche di rosa
I Giovani sotto il fascismo a Brescia (1922-1945). Verso la mostra a Palazzo Martinego
Nel 1928 l’ufficializzazione dell’agonismo femminile. L’ombra della «sanità razziale» e della propaganda
Nella pagina il box: A Brescia. Atlete e campionesse:in pista subito in tante
1 luglio 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 54 – Irene Trabucchi
13 marzo 1945: il bombardamento che uccise la mia zia Irene
Nella rubrica Lettere al Direttore
29 giugno 2020 – Il Giornaledi Brescia, p. 50 – Lodovico Galli
Com'è stata uccisa la povera Irene nel marzo 1945
Il dubbio. Nella rubrica Lettere al Direttore
27 giugno 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 27 – Anita Loriana Ronchi
«Da piccola scoprii la guerra negli occhi lucidi dei grandi»
Il CollectionDay 2020 è giunto all’epilogo: raccolti tanti materiali tra febbraio e maggio
Nella pagina un box intitolato: Con le fotografie, le lettere e i diari in ottobre sarà allestita una mostra
25 maggio 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 23 – Elena Pala
Tutti in colonia all'aria e al sole. Si forgiano i nuovi italiani del Duce
Verso la mostra a Palazzo Martinengo: I giovani sotto il fascismo a Brescia (1922-1945)
Nella visione militarista e salutista del regime una grande attenzione venne riservata al corpo
13 maggio 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 31 – Anita Loriana Ronchi
La storia di Francesco, disperso a El Alamein e poi tornato a casa
Anche pagelle e opuscoli tra i copiosi contributi giunti sul tema «Giovani sotto il fascismo»
Collectionday 2020
Contiene un box che illustra l'iniziativa Collectionday 2020, conferma la mostra a Palazzo Martinengo in ottobre ed elenca gli autori del relativo catalogo
5 marzo 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 21 – Anita Loriana Ronchi
Un’infanzia in fuga dalle persecuzioni nei racconti dei Giovani sotto il fascismo
Ricordi ed emozioni forti nel nuovo incontro al GdB nell’ambito del progettodel Centro studi Rsi di Salò
Collectionday 2020
6 febbraio 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 15 – Anita Loriana Ronchi
«Quando a scuola dovevamo fare il saluto al duce e di sabato andare in divisa»
Primi ricordi e repertinella sede del GdB,per il progetto «I giovani bresciani sotto il fascismo»
Collectionday 2020
23 gennaio 2020 – Il Giornale di Brescia, p. 13 – Anita Loriana Ronchi
Collectionday racconta i giovani sotto il fascismo
Al via il progetto del Centro Studi Rsi in collaborazione con il GdB per riavvolgerei fili della memoria storica

 

-