Università Cattolica del Sacro Cuore

Progettazione e gestione del Portale di Piacenza

E-government

Il progetto di costruzione del Portale di Piacenza è stato affidato dal Comune di Piacenza al CRATOS.
Al Comune si sono recentemente aggiunti due altri enti promotori: la Provincia di Piacenza e la Camera di Commercio di Piacenza. Il progetto è stato adottato tra quelli strategici proposti per una realizzazion e rapida nell'ambito del Patto per Piacenza.
Tramite le varie fasi di questo progetto si intende creare un portale del territorio di Piacenza che offra la possibilità ai piacentini di poter accedere a notizie di vario interesse relative alla loro città e provincia.
Lo scopo principale del progetto è quello di valorizzare il territorio della nostra città attraverso la grande rete, per far conoscere Piacenza non solo ai suoi abitanti ma anche a tutti coloro che, utilizzando Internet, richiedono informazioni relative alla nostra città.
La scelta dei contenuti e l'architettura di un portale dedicato alla valorizzazione del territorio legato ad una qualsiasi città devono essere progettate tenendo in considerazione le differenze fondamentali che caratterizzano un portale della pubblica amministrazione da un qualsiasi altro tipo di portale: il criterio di pubblica utilità deve in ogni momento trasparire sia dai contenuti dei siti che fanno parte del portale, sia dalla suddivisione degli stessi in aree di interesse.
A questo scopo si sono dedicate le prime due fasi del progetto: durante la prima fase è stato fatto un censimento di tutti i siti Web e i portali di soggetto piacentino esistenti al fine di costruire una prima mappa "reale", ossia una prima suddivisione per tipologia dei siti trovati. In un secondo tempo si è pensato alla costruzione di una mappa "ideale" tramite la quale si sono individuate le macroaree e i contenuti che fin da subito dovranno comparire nel portale di un territorio come quello piacentino. Il principio di suddivisione delle macroaree è nato da una semplice domanda: "quali macroaree devono essere maggiormente valorizzate in un portale territoriale sviluppato secondo criteri di pubblica utlità?". A questa domanda si è risposto individuando quelli che sono i maggiori destinatari delle informazioni che il portale intende erogare e soprattutto attribuendo a ciascun ambito di interesse le peculiarità necessarie a soddisfare le richieste di specifici destinatari. Il principio che in ogni caso sta alla base di tutto è che la città e la provincia di Piacenza in Internet devono essere visitate con la stessa facilità da qualsiasi utente.
Una volta individuate le macroaree ideali e distribuiti i siti nelle stesse a seconda degli argomenti trattati, si è passata all'analisi di ciascun sito per individuarne le potenzialità ed eventualmente i limiti. Il controllo di qualità è stato fatto seguendo alcuni dei criteri di valutazione della qualità dei siti Web istituzionali dettati da Pasquale Russo e Giovanna Sissa nel loro manuale sull'applicazione del Governo Elettronico per le scuole e le pubbliche amministrazioni. I criteri dettati dal manuale sono i seguenti:

  1. caratterizzazione (che indica l'immediata riconoscibilità di un sito);
  2. contenuto (la sua applicazione ha lo scopo tra gli altri di verificare la completezza dell'informazione con gli scopi del sito);
  3. funzionalità (verifica che le diverse funzioni siano efficaci e adeguate allo scopo del sito);
  4. usabilità (che comprende i principi di efficacia, efficienza e soddisfazione);
  5. accessibilità (che risponde a domande come: è semplice ottenere risposte dal sito?);
  6. immersività (misura il livello di relazione tra l'utente e il sito Web)
    e infine il grado di aggiornamento di ciascuno.

Il passo successivo sarà quello di effettuare una ulteriore selezione dei siti individuando quelli che faranno poi parte del portale in modo definitivo.
L'analisi dei siti ha inoltre stimolato interessanti considerazioni su quelle che sono le principali mancanze comuni a tutti i siti visitati e che forniscono un'idea di ciò che effettivamente si potrebbe migliorare per aumentare la qualità e l'efficienza di un sito di interesse anche generale.

 

Area tematica: E-government